Coeli et TerraeNodi Planetari generazionali: Saturno Urano Nettuno Plutone

26 Ottobre 2019by Francesco0
Astrology[1]
4aa44a10-1ae3-11e9-bad2-0fd52354c31c-rimg-w1200-h600-gmir
Birthday-Horoscope-2018-e1530416336498 (1)
CB3sN_AWgAAqtOq
civ
images
landscape-1446587356-stocksy-txp1fbbd73fhwf000-medium-637267
landscape-1481833983-astrology-2017
landscape-1482871265-solarsystemastrologyindex
pinterest-astrology-pumpkins-1539967999

Per lo più abbiamo dimestichezza con i nodi lunari che informano, simbolicamente, sullo sviluppo emotivo e sule esigenze di crescita profondamente radicate nell’animo umano. I nodi sono utilizzati nell’astrologia karmica ma anche in quella ad approccio evolutivo. Nel caso specifico dei nodi lunari si tratta di “punti celesti” del cielo in cui avviene l’intersezione tra l’eclittica, ovvero il movimento orbitale apparente del Sole, con il movimento orbitale della Luna.

 

 

Tuttavia ogni pianeta ha un suo asse nodale, ovvero un Nodo Planetario sud e un Nodo Planetario nord, che da un punto di vista interpretativo intendono egualmente indicarci “punti celesti” in cui trovare contenuti importanti e determinanti per l’evoluzione individuale ma anche collettiva se ci riferiamo ai pianeti più lenti. Personalmente non uso i Nodi Planetari nell’interpretazione individuale della carta di nascita, ovvero per scopi genetliaci. Ma alcune scuole di pensiero utilizzano i Punti Nodali dei pianeti come fossero punti in cui il pianeta rappresentato esprime la sua natura evolutiva. Avere un pianeta per esempio Marte congiunto al grado del Nodo Planetario di Mercurio, equivale ad una sorta di congiunzione Marte-Mercurio, ovvero Marte acquisisce le qualità evolutive di mercurio, acquisendo caratteri karmici di questa simbologia. Tralasciando l’interpretazione riferita ai casi individuali, mi interessa in questo momento osservare i Nodi Planetari dei corpi celesti più lenti, ovvero quelli di Saturno Urano Nettuno e Plutone, da osservare nell’ottica dell’astrologia mondiale. Il movimento dei Nodi Plantari di Saturno Urano Nettuno Plutone è molto lento: comprendiamo dunque che si tratta di punti celesti molto importanti sul piano collettivo, più che individuale.

Prima di ragionarci brevemente, riporto i nodi planetari di Saturno Urano Nettuno Plutone

NODI PLANETARI DI SATURNO
NORD 23°14 Cancro (1950) 23°40 (2000) 24°06 (2050)
SUD 23°14 Capricorno (1950) 23°40  (2000) 24°06 (2050)

NODI PLANETARI DI URANO
NORD 13°45 Gemelli (1950) 14°00 (2000) 14°16 (2050)
SUD 13°45 Sagittario (1950) 14°00 (2000) 14°16 (2050)

NODI PLANETARI DI NETTUNO
NORD 11°14 Leone (1950) 11°47 (2000) 12°20 (2050)
SUD 11°14 Aquario (1950) 11°47 (2000) 12°20 (2050)

NODI PLANETARI DI PLUTONE
NORD 19°38 Cancro (1950) 20°17 (2000) 20°59 (2050)
SUD 19°38 Capricorno (1950) 20°17 (2000) 20°59 (2050)

L’ASSE NODALE SATURNO E PLUTONE sono i più importanti perché tra loro risultano in congiunzione: avere i nodi di questi pianeti congiunti a qualche pianeta di nascita è un sintomo di impegno evolutivo, in particolare nel concetto della prova rigorosa nei confronti dell’integrità morale ed etica, nonché la capacità di determinare la propria volontà attraverso la forza di carattere, ovvero essere capaci di andare avanti con le sole proprie gambe! Questi gradi spesso mi hanno spiegato perché certe posizioni di nascita pur risultando “positive” nel grafico individuale, poi esprimevano nella vita reale dell’individuo profonde frustrazioni e difficoltà ad arrivare a traguardi soddisfacenti. Puntualmente ho osservato che il più delle volte si tratta di pianeti che se anche ben messi nel grafico natale, erano in congiunzione o in aspetto con orbita stretta ai Nodi Planetari di Saturno Plutone il che inflazionava il pianeta radix di energie e contenuti simbolici non di poco conto! Sul piano collettivo è curioso osservare che Plutone fu scoperto nel 1930: si trovava in quel momento allo stesso grado del suo Nodo Nord in Cancro. Molto più interessante è notare che Plutone in Cancro (1931-32) si opponeva in quel periodo a Saturno in Capricorno: entrambi erano legati ai loro assi nodali in aspetti di congiunzione-opposizione. E’ indiscutibile il fatto che gli anni 30 sono quelli che aprono nel mondo lo scenario di una guerra molto più devastante della Prima… a fine gennaio 1933 Plutone in Cancro e Venere in Capricorno, in orbita perfetta di opposizione, e congiunti/opposti ai NODI PLANETARI di Plutone Saturno, coincisero con l’elezione di Adolf Hilter, eletto cancelliere tedesco: ha inizio il regima nazista in Germania che porterà poi alla Seconda Guerra Mondiale, ai campi di sterminio, all’antisemitismo.

A fine 2019 e per gran parte del 2020 PLUTONE SATURNO si congiungeranno al ventunesimo grado del Capricorno, congiungendosi di conseguenza ai loro corrispettivi Nodi Planetari Sud. L’evento simbolicamente è simile a quello che avvenne negli anni 30, quindi sul piano interpretativo le implicazioni di questi aspetti (che tra l’altro appartengono a importanti cicliche collettive) può avere certi caratteri o certi “echi” riconducibili all’elezione di Hitler alla Cancelleria tedesca, ovvero l’assunzione di una Autorità su tutto e tutti, probabilmente sotto nuove identità e forme, ma di una simbologia e di un impatto similari: come non mai il concetto di Nuovo Ordine Mondiale (caro alle logge massoniche) è ora un miraggio che può diventare realtà sorgente.

Altra questione da tenere in considerazione è che questi aspetti legati ai Nodi Planetari di Saturno Plutone sono molto karmici, dunque il passato può in un certo senso ripetersi, riemergere, sotto altre vesti e altri contenuti, e riguardare altri luoghi, tuttavia possono esserci eventi simili o che assoceremo attraverso la memoria a certi “sentimenti” che ritenevamo archiviati dalla storia: è una specie di colpo di coda di un Karma-bastardo che intende verificare se la coscienza collettiva ha veramente imparato certe lezioni (che già in possesso dei dati attuali potrei dire seccamente, e senza troppi giri di parole, NO, non ha imparato nulla: l’antisemitismo ancora c’è, Anna Frank è ripetutamente offesa e vilipesa negli stadi, gli immigrati vogliamo rinchiuderli in ghetti ovvero campi di concentramento in cui controllarli monitorarli trattenerli, purché non girino in strada, e via discorrendo… abbiamo imparato la lezione? Mi pare di no). Altro aspetto noto Saturno-Plutone riguarda certi fenomeni naturali, in particolare terremoti e eventi vulcanici: possiamo dunque vederci estremi positivi quanto negativi, corruzione al suo livello più becero, disumanità spietata a livelli di inaudito cinismo, ma anche scioglimento del karma ovvero operazione di pulizia, emersione della corruzione nella magistratura cattiva e, per esempio, l’opera della buona magistratura che farà suonare le manette per molti importanti delinquenti (sia in ambito economico sia in ambito dei diritti dell’uomo). Guerra e pace. Odio e amore. Estremi!

Dal punto di vista karmico i Nodi Planetari nell’asse Cancro-Capricorno riflettono un bisogno viscerale di misericordiosa umanità (che sarà presente in una parte dell’umanità) in contrapposizione ad una viscerale tendenza alla valorizzazione dei propri tornaconti, cinismo e spietatezza, crudeltà violenta (che sarà presente nell’altra parte dell’umanità). Le due fazioni “karmiche” dovranno trovare una mediazione che simbolicamente è nella capacità di costruire e lavorare in modo unito nel rispetto delle esigenze umanitarie e delle esigenze dei singoli individui, l’obiettivo finale è creare nuove leggi, nuove normative che diano il senso di un rinnovato sistema di regolazione delle norme globali in fatto di agricoltura, industria, inquinamento, emigrazione, politica sociale ed economica. Appunto: un Nuovo Ordine Mondiale.

I NODI PLANETARI DI URANO sono nell’Asse Sagittario-Gemelli. Essi intendono descrivere lo sviluppo della civiltà e dell’urbanizzazione: le congiunzioni-opposizioni con il transito di Urano possono coincidere con una fase di sviluppo o di decadimento, di urbanizzazione o de-urbanizzazione, di libertà. Questi nodi sono risultati importanti nel transito di Urano quando è stato in aspetto di congiunzione al nodo nord planetario, per esempio nell’aprile del 1945 la morte di Hitler coincise con Urano in Gemelli in aspetto ai Nodi Planetari di Urano: il mondo fu liberato da un tiranno e ritornò a ricostruire la sua civiltà. Nel 1985 Urano raggiunse nel suo transito il suo nodo nord: fu finalmente revocato il divieto di matrimonio interrazziale in Sudafrica, fu il primo passo alla fine dell’apartheid che influenzò molte altre civiltà; ci fu il primo incontro tra Ronald Reagan e Mikael Gorbachev, incontri che portarono poi alla fine della guerra fredda; presero il via le prime iniziative culturali di quel periodo per cause umanitarie e per la libertà dei popoli e del riconoscimento dei diritti fondamentali, vedi USA for Africa.

Per concludere I NODI PLANETARI DI NETTUNO sono nell’asse Aquario-Leone e intendono parlarci di ricerca, ispirazione, creatività, attraverso cui permettere agli umani lo sviluppo di enormi capacità intellettive ed emotive, che trascendono la pura materialità e spingono l’umanità a sognare oltre gli orizzonti visibili. Questi nodi risulteranno interessanti quando Plutone di transito toccherà in congiunzione il nodo sud, momento in cui è possibile che la coscienza collettiva entri in contatto con realtà sempre più amplificate, con scoperte non solo sul piano terrestre ma anche universale. Quando Nettuno si congiunse al Nodo Sud planetario, in Aquario, era il 2003: da questo anno sono cominciate una serie di scoperte sorprendenti relative all’universo, il 2003 apre una ciclica importante sulla scoperta del cosmo in particolare di “intelligenza” extraterrestre, di possibile vita su altri pianeti (esistente o esistita) che probabilmente potrebbe toccare un importante culmine quando Plutone entrerà in aquario e si avvicinerà ai gradi del Nodo Sud Planetario di Nettuno.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.stellarium.info/wp-content/uploads/2018/02/logo-white-medium-1.png

In Tune With The Universe

shares