Giorno: 4 Febbraio 2021

Astrology

Alcune qualità della CASA UNO secondo Guido Bonatti

La Prima Casa è probabilmente il punto del nostro grafico più importante. Nella descrizione che fa Guido Bonatti sul primo luogo celeste, comprendiamo che in essa rintracciamo molti elementi della vita individuale. La prima casa, dice Bonatti, significa la vita e il corpo di qualsiasi nativo, o anche di un interrogante, significa l’inizio di qualsiasi lavoro, ha significato su ogni inizio, quindi significa l’inizio della vita.

In effetti il luogo ascendente è un punto astronomico molto importante perché rappresenta il cardine Est, dove le cose rispetto all’orizzonte sorgono, ovvero è il punto visibile da dove apprezziamo il continuo salire della volta celeste (ascensione) e dove con essa salgono gli astri, sorgendo. È per questo motivo che da sempre l’ascendente è visto come ciò che appare al mondo, e di conseguenza ciò che si manifesta alla coscienza razionale e alla vista diretta, quindi è in analogia al nostro corpo che nasce, al nostro venire alla luce. Nell’Astrologia ad approccio psicologico, per esempio, l’Ascendente è visto come io-apparente ovvero come ciò che appare immediatamente di noi agli altri. Per “altri” si intende “il mondo intero”. L’ascendente è ciò che si manifesta nel mondo attraverso, in questo caso, la nostra nascita. Io che vengo al mondo come identità e nascita sono quindi l’Ascendente perché “appaio” ovvero mi mostro al mondo intero. E ciò che appare è appunto ciò che emerge immediatamente, percettibile a tutti, in modo diretto. Per questo l’Ascendente non è assimilabile all’io-profondo che rappresenta la vera autenticità, come siamo realmente, ma invece intende rappresentare ciò che emerge in modo tangibile, macroscopico, agli altri. E ciò che appare non è sempre ciò che pensiamo di essere: spesso ci è capitato di dire che “non hai capito niente di me…”: questa sensazione di non essere compresi e di essere visti solo nell’apparenza o in ciò che trapela, è una sensazione che abbiamo vissuto tutti, ed è l’esempio più immediato per comprendere cosa è e cosa non è l’ascendente. L’ascendente non è ciò che noi siamo, ma ciò che appare a tutti di noi. E’ in un certo senso come siamo visti dagli altri, e quindi dal mondo.

Guido Bonatti ci ricorda che la prima casa è anche quella che rappresenta l’interrogante e dice che nell’ascendente di chi “interroga le stelle” vediamo tutto ciò che egli pensa, spera, tutte le sue parti nascoste: tutto ciò che “è” l’interrogante… emergerà nell’ascendente! La Casa Uno diventa molto importante anche nelle domande che rivolgiamo al cielo, perché in esso vedremo come il nostro interrogativo si manifesta, in quali caratteri e in quali circostanze, e questo ascendente farà emergere ogni cosa di noi, anche le nostre intenzioni più nascoste e misteriose. Infatti Bonatti dice che “chi chiede renderà evidenti le proprie intenzioni e i segreti del suo cuore, e tutto ciò che era prima nascosto, sarà poi illuminato ed evidente e tutto sarà scoperto”.

Nelle trattazioni di Guido Bonatti c’è una interessante disquisizione sullo studio dell’intera casa uno. In particolare il Signore della Triplicità (diurna o notturna in base alla qualità della nascita), il suo collocamento nel grafico di nascita e la sua qualità, indicherà la vita e la natura del nativo o del querente, i suoi piaceri, ciò in cui crede, ciò che ama e ciò che odia.

Per l’ascendente Ariete Leone Sagittario il Signore della triplicità in una nascita diurna è il SOLE mentre in una nascita notturna è GIOVE. Per l’ascendente Toro Vergine Capricorno il signore della triplicità in una nascita diurna è VENERE in una nascita notturna è LUNA. Per l’ascendente GEMELLI BILANCIA AQUARIO il Signore della triplicità in una nascita diurna è SATURNO mentre in una nascita notturna è MERCURIO. E per l’ascendente Cancro Scorpione Pesci il signore della triplicità sia nella nascita diurna sia in quella notturna è MARTE. La disposizione di questo astro decreterà alcune indicazioni del nativo o del querente: ovvero ciò che ama, ciò che odia, la qualità della vita, la natura del nativo, i piaceri o in cosa si delizia.

In questa breve trattazione dove ho riportato alcune indicazioni di Bonatti, confermiamo quanto già sappiamo dell’Ascendente, punto astronomico di estrema importanza perché attraverso questo cardine si manifesta il sorgere perpetuo e costante della volta celeste, e con essa sorgono le immagini delle stelle, quindi i miti eterni dell’uomo. Inoltre sappiamo che l’Ascendente intenderà descrivere anche il corpo del nativo, le sue caratteristiche fisiche, quelle che almeno emergono in chi osserva esternamente, possiamo dunque dire che noi siamo l’emanazione del governatore dell’Ascendente:

  • se sei ascendente Leone tu sei una emanazione del SOLE
  • se sei ascendente Cancro tu sei una emanazione della LUNA
  • se sei ascendente Ariete o Scorpione tu sei una emanazione di MARTE
  • se sei ascendente Toro o Bilancia tu sei una emanazione di VENERE
  • se sei ascendente Gemelli o Vergine tu sei una emanazione di MERCURIO
  • se sei ascendente Sagittario o Pesci tu sei una emanazione di GIOVE
  • se sei ascendente Capricorno o Aquario tu sei una emanazione di SATURNO

Come per la disposizione del signore della triplicità, anche la disposizione del governatore dell’Ascendente ci indicherà come questa emanazione si esprime, e questo sarà determinato in base alla posizione del Governatore, in quale quadrante si trova, in quale segno, in quale casa, e con quali altri astri si relaziona.


FONTE ORIGINARIA

TRACTATUS DECEM ASTRONOMIAE, 1550
link del manoscritto in lingua latina

Astrology

Una tecnica di lettura dei transiti per principianti: l’azione del cielo sulla nascita diurna o notturna

È indiscutibile dire che l’Astrologia offre una marea di tecniche previsionali, molte delle quali sono di estrema complessità, come è indiscutibile dire che una sola tecnica di predizione non ha alcun valore predittivo. Non bastano le sole Rivoluzioni Solari per stabilire la qualità di un dato periodo futuro, esse andrebbero per esempio integrate alle Direzioni Primarie, al Tema Progresso, al Tema di Transito, per avere qualche nozione in più e qualche possibilità maggiore di comprendere le proiezioni di un futuro prossimo e/o remoto. Perché di questo stiamo parlando: di proiezioni. Ovvero di possibilità soggette inevitabilmente ad errore interpretativo e valutativo. Quindi finiamola di dare all’Astrologia il compito di “dire la verità” visto che non lo diamo nemmeno alle scienze razionali e scientifiche. L’Astrologia è un metodo e come tale ci offre una possibilità di sfumatura, di verosimiglianza, relativa in questo esempio al nostro futuro.

Ma veniamo alla questione. Per una persona che non è pratica di astrologia, osservare i soli transiti planetari nella relazione che formano al Sole o alla Luna di nascita non è sufficiente nell’indentificare cosa ci accadrà in un particolare periodo della vita ma è più che sufficiente nell’identificare la qualità ecosistemica del nostro vissuto, ovvero che tipo di ambiente e atmosfere stiamo per vivere e sperimentare. Con l’osservazione specifica dei transiti sul Luminare che rappresenterà la nostra nascita comprenderemo per esempio se in un dato periodo sarà piovoso o non… ma se decideremo di aprire l’ombrello per ripararci o se non lo apriremo, questa è un’altra faccenda.

I miei studi di astrologia che ormai si avvicinano a compiere il ventennio, mi hanno portato spesso a scontrarmi con Astrologi dotati di una certa tracotanza intellettuale che tuttavia è spesso vuota di contenuti. Per esempio: c’è una certa demonizzazione del Sole / Luna di nascita, alcuni dicono che il Sole non decreta nulla e non serve a nulla, quando interi trattati di Astrologia antica, medievale, dall’uomo della pietra ad oggi, ci indicano come il Sole è il decreto in assoluto! Lo dice pensate anche Tolomeo indicandoci come dal Sole (e dalla Luna) dipende tutto. Ovviamente non possiamo stabilire dai soli transiti sul Sole o sulla Luna di nascita cosa ci sta accadendo o cosa ci sta per accedere, tuttavia dopo 10 anni di consulenze attive in ambito astrologico (solo negli ultimi 3 anni ho visto, osservato, studiato insieme alle persone che mi contattano oltre 5 mila carte di nascita) ho notato come ad un certo evento particolare della vita dell’individuo corrispondeva quasi sempre un transito significativo sul SOLE o sulla LUNA di nascita o sul suo dispositore. La cosa è veramente ricorrente.

Il transito indicava ovviamente un’atmosfera percepita dall’individuo, non un esito finale di una data questione. Per intenderci: l’Astrologo viene contattato quando ci sono problemi. È raro ricevere una consulenza in cui si brinda ad un successo o ad un momento di felicità! No… al contrario mi contattano quando le cose vanno male o ci sono sfide difficili. Per esempio nelle relazioni sottoposte a forti stati di tensione e a momenti di intensa conflittualità “vicini alla rottura” quando sono stato contattato risultava puntuale al 90% la presenza di un malefico (saturno o marte) in aspetto al Sole o alla Luna, o ai loro dispositori.

Quindi, possiamo osservando solo il segno del Luminare che rappresenta la nostra nascita stabilire i vari momenti della vita decifrandoli in qualità temperamentali o potremmo dire in “qualità atmosferica”. È importante però in questa osservazione grossolana identificare anche il dispositore del segno solare o lunare, perché anch’esso è importante. Quindi la prima cosa da stabilire è: quale luminare rappresenta la nostra nascita, quello del Sole o quello della Luna? Questo dipende dal momento della nostra nascita. Se siamo nati di giorno quindi quando il Sole si trovava sopra l’orizzonte e si rendeva visibile noi siamo rappresentati dal Segno del Sole. Ma se siamo nati di notte, ovvero quando il Sole è sotto l’orizzonte, il segno che ci rappresenterà in questo caso è quello della Luna. Stabilito se siamo rappresentati dal Sole o dalla Luna dobbiamo stabilire quale è il suo dispositore.

Sole/Luna in Ariete e Scorpione ha come dispositore Marte.
Sole/Luna in Toro e Bilancia ha come dispositore Venere.
Sole/Luna in Gemelli e Vergine ha come dispositore Mercurio.
Sole/Luna in Cancro ha come dispositore Luna.
Sole/Luna in Leone ha come dispositore Sole.
Sole/Luna in Capricorno Aquario ha come dispositore Saturno.
Sole/Luna in Sagittario Pesci ha come dispositore Giove.

Stabiliamo quindi il Grado Zodiacale occupato dal Sole o dalla Luna e quello occupato dal Dispositore. Stabilito, comprenderemo come i vari Transiti dinamici del cielo, ogni qual volta raggiungeranno con una certa orbita il grado di nostro interesse, essi presenteranno una “sfumatura temperamentale” e quindi ci indicheranno momenti particolari legati ai nostri vissuti.

QUALI TRANSITI DOBBIAMO CONSIDERARE PER LA NOSTRA NASCITA? Dobbiamo tuttavia tenere in considerazione alcune regole. Dobbiamo differenziarci da nascita diurna e nascita notturna. Quindi se siete nati di giorno terrete in considerazione in modo particolare i transiti di Mercurio insieme a Giove Saturno che sono sostenitori mentre Marte Venere sono antagonisti, e saranno importanti i transiti che agiscono sul SOLE E SUL SUO DISPOSITORE. Se siete nati di notte terrete in considerazione in modo particolare i transiti di Mercurio insieme a Marte Venere che sono sostenitori mentre Giove Saturno sono antagonisti. Saranno importanti i transiti che agiscono sulla LUNA E SUL SUO DISPOSITORE. Terremo inoltre in considerazione orbite strette. Per Mercurio l’orbita da considerare è di 5° applicativa e separativa. Per gli altri astri (Venere Marte Giove Saturno) terremo in considerazione un’orbita generica di 4° applicativa e separativa.

Ovviamente ogni transito offrirà le sue sfumature. In linea generale vi indico che:

in una nascita diurna
Saturno sfida in modo costruttivo e le sue distruzioni sono per ricostruire; Giove aiuta in modo costruttivo, ripara, guarisce, aiuta, soccorre, amplifica, fortifica, afferma, porta successi; mentre Marte agirà in modo più distruttivo e Venere agirà in modo armonico ma in contesti comunque di prove e sacrifici;

in una nascita notturna
Marte sfida in modo costruttivo e le sue distruzioni sono per ricostruire; Venere aiuta in modo costruttivo, ripara, guarisce, aiuta, soccorre, amplifica, fortifica, afferma, porta successi; mentre Saturno agirà in modo più distruttivo e Giove agirà in modo armonico ma in contesti comunque di prove e sacrifici;

Mercurio in una nascita diurna o notturna agisce nel bene o nel male come principio trasmettitore quotidiano di effetti e inclinazioni intervenendo in particolare sul nostro temperamento e sulle sue variazioni subitanee, è un transito da controllare con particolare attenzione nella comprensione della modalità attraverso cui recepiamo il momento e l’istante che stiamo vivendo e come ad esso reagiamo.

ALCUNI ESEMPI PRATICI RELATIVI A PERSONAGGI FAMOSI
Il principe Harry è nascita diurna, quindi consideriamo Sole e suo dispositore. E’ Sole in Vergine a 22° quindi il dispositore del suo Sole è Mercurio che si trova 5° in Vergine.  Nel giorno del suo matrimonio era in particolare sollecitato il suo dispositore solare: Mercurio di nascita formava un trigono a Saturno e un trigono a Mercurio (orbite strette) ed essendo una nascita diurna l’attività di Saturno si presentava come distruttiva di uno status quo (quello di ragazzo fidanzato) per proporre una nuova fase costruttiva e di responsabilità (quella di un uomo sposato). Mercurio di transito agiva sul suo temperamento in modo armonico.

La consorte del principe è nascita notturna quindi dobbiamo prendere in considerazione il luminare notturno, ovvero la Luna. Il segno lunare è a 4° in Bilancia disposto da Venere a 13° in Vergine. Siamo in nascita notturna… quindi notiamo che nel giorno del suo matrimonio la Luna formava un aspetto di trigono a Marte di transito e Marte è per una nascita notturna un astro che distrugge per ricostruire, come per il suo principe qui rappresenta la distruzione di uno status quo… che produce una nuova identità all’interno della relazione, quella sancita dal matrimonio. Tuttavia la Luna di nascita si applica a Saturno che per una nascita notturna è più severo, qui il transito di Saturno è in aspetto di quadratura che preannunciava un evento (quello matrimoniale) che inizia comunque con qualche sacrificio o problema, con qualche restrizione che abbiamo poi osservato più avanti visto che la loro relazione ha causato immediatamente molti malumori all’interno della coppia a causa dell’eccessiva ingerenza dei protocolli reali della famiglia del principe, inoltre è un aspetto che associato ad un evento matrimoniale non promette bene circa la stabilità della relazione. Tuttavia il dispositore della Luna durante il matrimonio era soggetto a transiti piacevoli tra cui spicca quello di Mercurio di transito in trigono a Venere di nascita, un momento quindi intenso ed estremamente piacevole, dinamico e desiderato.

Questo è un esempio, ma ve ne potrei farei a centinaia, di come i luminari e i loro dispositori risultino particolarmente attivi in determinati eventi. Certamente non potevamo stabilire che in quel giorno la coppia reale si sarebbe sposata… come avremmo potuto fare? Impossibile da una tecnica così grossolana. Ma questa tecnica si rivela in realtà efficace per quanto riguarda tutti gli eventi che ci stanno accadendo nel “momento”, per comprendere come questi eventi si svilupperanno nell’immediato. Poiché la consulenza da me svolta è spesso richiesta da persone che interrogano gli astri per questioni immediate e dove le persone cercano risposte pratiche e non astrusi ragionamenti introspettivi, si rivela essere rapida nell’offrire indicazioni di estrema fruibilità, che tuttavia dovranno poi essere amplificate da tecniche più complesse:  per meglio approfondire le sorti inevitabile sarà l’analisi della rivoluzione solare/lunare, della direzione primaria e – almeno personalmente lo considero – del tema progresso.