SEGNI DI TERRA

Icon
SEGNI DI TERRA

♉︎ ♍︎ ♑︎

I segni che appartengono alla triplicità di terra sono Toro, Vergine, Capricorno. Sono segni femminili, notturni, sottoposti, freddi e secchi, melanconici, di sapore tendenzialmente acidulo. In questi segni incontriamo il domicilio notturno di Venere (Toro), il domicilio e l’esaltazione di Mercurio (Vergine) e il domicilio notturno di Saturno (Capricorno). Dopo questi segni zodiacali, vi sarà data una descrizione generale sui pianeti governatori della triplicità di terra, ovvero Venere (diurno) e Luna (notturno).

TORO

Dice Picatrix: ha proprietà relative al fegato, presiede al collo e alle corde vocali, influenza ogni terra abitata, orti, luoghi idonei all’aratura, governa gli alberi specialmente quelli alti e quelli che producono frutto commestibile, quelli che hanno bisogno di poca acqua oppure tutti quelli dotati di buon odore e buon sapere, tra gli animali presiede i quadrupedi e tutti quelli che possiedono gli artigli. Dice Filosofia occulta: il segno appartiene ai cherubini, esseri celesti citati frequentemente nelle sacre scritture, rappresentano gli intercessori privilegiati dell’uomo presso Dio, sono destinati alla custodia dell’Arca dell’Alleanza, proteggono gli oggetti dell’uomo affinché siano conservati a lungo.

Secondo le energie talismaniche il suo primo aspetto (0-10°) è legato a Venere, questa energia è paragonabile all’unione tra uomo e donna, nel patto matrimoniale, è amore coniugale ovvero quello finalizzato alla progettualità e alla coesione non solo emotiva ma anche materiale. Il suo secondo aspetto (10-20°) è legato a Mercurio, è una energia che valorizza l’estrosità a discapito dell’introversione, territoriale, legata all’amicizia e al bisogno di ostentare. Il suo terzo aspetto (20-30°) è legato a Saturno, è molto territoriale e protettivo, sprezzane e un po’ freddo nei sentimenti, restio a lasciarsi andare emotivamente e affettivamente, amante del rigore e della stabilità, nonché dei denari e del possedere, elevate doti di ricerca e indagine, pollice verde.

Il segno Toro è primaverile, solido, immutabile, calmo, osseo e curvo. In esso troviamo il domicilio di Venere, l’esaltazione della Luna e l’esilio di Marte.

Nel Thema Mundi (immagine del mondo creato) occupa l’Undicesimo luogo chiamato del buon genio. In questa posizione il Toro ricalca l’immagine del donare all’altro per ricevere da tutti, è infatti indicato come segno industrioso e operoso, di abbondanza, l’uccisione del Toro di Mitra ha prodotto la nascita della vegetazione, mentre nel cristianesimo la morte di Cristo è simbolicamente associata al sacrificio taurino: Cristo immolandosi sulla Croce ha concesso la salvezza del mondo, a vantaggio di tutti.

Nell’approccio contemporaneo la modalità toro è sintetizzata nel concetto potenza divina, rappresenta la forza lenta ma costante; il Toro è un ruminante psichico, lento nel digerire le cose, ha bisogno di lunghi periodi di assestamento, è prudente e meticoloso. Una leggenda persiana vede il Toro bianco come primo animale del mondo, ucciso da un demone portò attraverso il suo sangue, per intervento della Luna, tutte le specie animali oggi conosciute. Il Toro è un’animale che appare nella Sfinge Greca, il che è in analogia alle sue modalità sfingee, ovvero un carattere e un modo di fare a volte difficili da capire realmente. Metallo Rame. Pietra Agata. Colore Verde. Corpo Collo, Nuca e Gola. Professioni finanza, banca, borsa, affari, mercato immobiliare, agricoltura, arti in genere. Paesi secondo Alain Yaouanc Irlanda, Persia, Turchia.

ASCENDENTE TORO secondo Campanellafa gli uomini dediti ai piaceri, alla raffinatezza del cibo, all’eleganza nel vestire e ai divertimenti. Più secco Ibn Ezraal sorgere del Toro nascono chi desidera il coito, bere, mangiare, far baldoria. In entrambi i casi notiamo un forte inciso sul concetto del piacere sensuale e sulla lussuria, concetti associati a Venere: infatti il domicilio preferito dal pianeta è proprio quello notturno del Toro perché qui riesce a provare pianamente il piacere a cui ambisce. I luoghi della natura del Toro, secondo William Lilly, sono: stalle, case basse, case umili, luoghi degli attrezzi, pascoli, terreni lontano dalle abitazioni, pianure, dove si semina frumento e granturco, dove si trovano alberi da frutto, le cantine, le stanze al primo piano.

VERGINE

Dice Picatrix: regna sulle membra del corpo (la pelle), sul ventre, in tutti i recessi nascosti del corpo come gli intestini, le ossa inferiori del ventre, le viscere. Tra i colori governa il bianco e lo screziato, tra i sapori quello astringente, sotto il suo segno sono i luoghi dove si radunano tante donne, quelli dove si organizzano giochi e cantori, governa gli alberi che danno semi da mangiare, tra gli animali l’uomo ma anche gli uccelli che sanno nuotare. Dice Filosofia Occulta: il segno appartiene alle Virtù Angeliche che rappresentano la forza e il coraggio di affrontare le difficoltà, ovvero quelle energie che vengono infuse nell’uomo di fede affinché possa reagire, nonostante i limiti o i sacrifici, alle richieste della vita.

Secondo le energie talismaniche il primo aspetto della modalità Vergine (0-10°) appartiene a Mercurio, qui si evocano energie che portano successo negli scribi, il segno è quindi proteso all’attività lavorativa, alla manualità e all’artigianato in genere, è un factotum a tutti gli effetti. Il secondo aspetto (10-20°) appartiene a Saturno, i talismani realizzati con questa energia distruggono gli oggetti degli scribi e danneggiano gli scrittori, qui l’energia del segno è più castrante e privativa, limitativa, tende ad essere sprezzante e puntigliosa. Il terzo aspetto della Vergine (20-30°) appartiene a Venere, è un’energia che rende fecondo l’amore tra coniugi, qui emerge il lato più amante della normalità e della tranquillità, della custodia della casa, è un’energia legata al concetto di luogo e famiglia, e ai sentimenti della coesione.

Il segno Vergine è estivo, bicorporeo, sociale, artigianale, razionale, nervoso, retto, liberto, iniziatico, puro. Trova in esso il domicilio e l’esaltazione il pianeta Mercurio, è esilio di Giove e caduta di Venere.

Il segno occupa nel Thema Mundi (immagine del mondo creato) la Terza Casa chiamata Dea Luna, dove si esprimono i concetti di comunicazione e intelligenza, di voglia di sapere e conoscere, ma anche di manualità e intensa attività. Inoltre è luogo che ci mette in comunicazione verso l’opposta casa nove, Dimora di Dio, quindi è strettamente connessa a tutte quelle procedure per elevare lo spirito e riscattarlo dall’ignoranza delle apparenze.

In astrologia contemporanea il segno Vergine rappresenta la purezza originaria delle cose. In questi tempi moderni a questo segno dobbiamo associare la figura mariana della Madre di Cristo, simbolo attuale della manifestazione della Dea Madre. In questo periodo ha preso le sembianze di una Madre Vergine, un aspetto condiviso anche con altre divinità vergini eppure capaci di procreare vita. In realtà la verginità in senso divino intende rappresentare non tanto l’inviolabilità sessuale, quanto la purezza degli intenti creativi e germinativi. Anche Artemide, Demetra e Atena hanno caratteristiche legate al segno Vergine, la sua energia è terrestre e legata alla produzione dei frutti e del loro raccolto. È espressione del riserbo e del mistero, conferisce spirito analitico, razionalità, gusto per lo sforzo, controllo delle passioni, propensione allo studio, grandi capacità intellettuali, perfezionismo. La modalità Vergine può a volte esprimere energie maniacali ed ossessive, fissazioni vere e proprie. Il suo Metallo è l’Argento. Pietra il Diaspro. Professioni scrittura, amministrazione, segretario, organizzatore, management, settore medico, professioni sanitarie e sociali. Paesi secondo Alain Yaouanc Svizzera, Grecia, Brasile.

ASCENDENTE VERGINE secondo pseudo-Pitagora: coloro che sono proporzionati e tutto il loro corpo è ben sviluppato e disteso, sono profondi, riservati, pronti al bisogno, schietti, hanno corpo elegante, bella capigliatura, nelle loro azioni sono assennati, hanno reputazione nella loro cerchia, sono istruiti, letterati, amanti della vita agricola, del silenzio, sono pronti ad apprendere, avidi di conoscenza, sanno distinguere e intrepretare, portano a compimento quanto desiderano nell’animo. La definizione dello pseudo-Pitagora esalta le qualità più belle di Mercurio, sottolineando l’aspetto più pragmatico e manualistico dell’Astro. I luoghi della natura della Vergine sono, secondo William Lilly, dove si studia e si tengono libri, stanzini e ripostigli, latterie e caseifici, malterie, campi di granturco, granai, mucchi di fieno, di orzo, grano o piselli, luoghi dove si conservano le provviste specialmente di burro e formaggio.

CAPRICORNO

Dice Picatrix: regge le ginocchia ma ha governo anche sui nervi e su quanto è collocato intorno al ginocchio, sotto la rotula e sotto la tibia, tra i colori preferisce il pavonaceo, colore rosso cardinale e su tutti quelli che tendono al nero, anche allo screziato, influenza il sapore astringente, è della sua natura il luogo degli orti, i piccoli appezzamenti, luoghi sulle rive dei fiumi, quelli abitati da cani, ospizi, case e luoghi dove si raccolgono vecchi o prigionieri, nonché luoghi che hanno strutture di protezione, tipo fortezze, torri, influenza ulivi, noci, lecci, e tutti gli alberi che nascono nell’acqua, nonché canneti, domina bestie di acqua, rettili, serpenti, anfibi. Dice Filosofia occulta: il segno governa la schiera degli Innocenti; da questo segno inizia la classificazione dei beati, spiriti non angelici ma che possiedono virtù potenti. Si classificano in tre categorie, dice Agrippa, e nel Capricorno incontriamo gli innocenti ovvero coloro che non hanno sperimentato il peccato e sono tuttavia vittime del male del mondo.

Secondo le energie talismaniche il primo aspetto (0-10°) è della natura di Saturno, questa energia è produttiva, accrescente, tende a fortificare l’utile, è orientata a una maggiore produzione. Il secondo aspetto (10-20°) è della natura di Venere, anche questa modalità è energeticamente legata alla produzione di risorse nutrienti dagli animali da allevamento, per analogia è energia che desidera arricchirsi e compiacersi. Il terzo aspetto (20-30°) è di Mercurio, qui l’energia è predatoria, distrugge ciò che è stato fatto in precedenza, per analogia è caparbietà e ottusità dannose.

Il segno Capricorno è invernale, tropico, convertibile, censurabile, carnoso, curvo, servile, impudente. Inoltre è il domicilio notturno di Saturno, l’esaltazione di Marte, l’esilio della Luna e la caduta di Giove.

Nel Thema Mundi (immagine del mondo creato) è posto nel settimo luogo, in qualità di Porta degli Dei rappresenta il tramonto dell’uomo e l’ingresso nella dimora che è oltre l’umano, il regno degli dei appunto. Così comprendiamo che questo segno posizionato nel settimo luogo è in analogia al Tramonto, all’oscurità, che tuttavia annuncia anche una rinascita, ma intanto mostra le fattezze degli dei: quando il Sole tramonta, infatti, l’uomo volgendo lo sguardo al cielo noterà l’apparizione di infinite stelle. Ecco, gli dei splendenti! Segno dell’angustia e delle fatiche.

In astrologia contemporanea la modalità Capricorno è in analogia al concetto di profondità. Il segno è coriaceo, ha una natura pratica, tangibile, reale, a tal punto che è considerato in analogia al rigore dell’inverno e quindi alla rigidità razionale e mentale. I suoi aspetti negativi sono infatti rappresentati dalla rigidità mentale, dall’egoismo, dalla chiusura e quindi dalla poca elasticità e plasticità, in casi estremi questa energia è fredda, tirchia, così cinica da avvicinarsi all’incapacità di amare o di capire i sentimenti altrui. Per contro, in un contesto armonico questa energia esprime l’ambizione, il desiderio di realizzare, l’azione finalizzata a concretizzare i propri desideri, dunque la profondità e la capacità di analisi, nonché una grande possibilità di analizzare il mondo spirituale e soprannaturale con un grande rigore e un invidiabile discernimento. Le professioni associate al segno sono alti incarichi nello Stato, ricerca, professioni scientifiche, geologia, storia, anche la psicologia. Paesi secondo Alain Yaouanc Bulgaria, India, Albania, Lituania.

ASCENDENTE CAPRICORNO secondo Guido Bonatti: l’uomo che sa condurre una buona vita, che sa provvedere ai suoi bisogni e agli altrui, che sa ben consigliare chi gli chiede lumi, abile a fare i propri interessi sia onestamente che disonestamente, un uomo che molto si rattrista anche per poca cosa. Tuttavia molti autori convergono nel ritenere che l’Ascendente Capricorni sfidi sempre l’esistenza dell’individuo, ponendolo difronte impegnative prove durante la vita, proprio perché segno del domicilio di Saturno. Secondo William Lilly, sono della natura del segno: stalle, luoghi dove si tengono attrezzi per l’agricoltura, luoghi di immagazzinamento, i recenti dei pascoli, terreni agricoli, campi incolti, letamai, discariche, luoghi bassi e scuri.

VENERE

Governatore della triplicità di terra diurna. Pianeta benefico, trova il suo domicilio nei segni Bilancia e Toro, quest’ultimo il suo preferito. Mentre è esaltata nel segno dei Pesci, specialmente nel grado 20°, e in caduta nel segno della Vergine, specialmente nel grado 20°. Il suo esilio lo incontra nei segni Scorpione e Ariete. Considerato dal linguaggio astrologico pianeta femminile, moderatamente freddo e umido, notturno, è benefico, fonte di gioia, benessere, stato di pace interiore, è molto affine con pianeti in elemento aria e acqua, rappresenta la tranquillità e il benessere fisico, quindi pianeta che ama star bene, infatti non tollera tutto ciò che è litigioso e conflittuale, verso cui fugge o si ribella. Esprime amore per la musica, l’arte, per ciò che è bello, estetico, raffinato, anche per il buon cibo, per l’allegria e la socievolezza, ama i piaceri carnali. Ma se disarmonica quindi se in debilità la sua energia diventa riottosa, spendacciona, tende allo sperpero, adultera, all’assenza di reputazione, agli scandali, alla vita dissoluta, alla pigrizia e alla meschinità, ad un pizzico di crudeltà vendicativa.

LUNA

Governatore della triplicità di terra notturna. Pianeta? Nella nomenclatura astrologica andrebbe definito Luminare perché differisce dai pianeti comuni, e prende le veci del Sole nelle ore notturne. Insieme al Sole, è luminare del tempo, uno dei punti più importanti del grafico perché decretante questioni molto delicate e sensibili riguardanti la vita in generale. Il suo domicilio è in Cancro, mentre nel Capricorno incontro l’esilio. Nel grado 3 del Toro e dello Scorpione incontra rispettivamente la sua esaltazione e la sua caduta. La Luna è femminile, notturna, fredda e umida, flemmatica. Quando è armonica, quindi specialmente quando forma aspetti buoni con i due benefici Venere-Giove, fa emergere tutta la sua gradevole lucentezza che ha il sapore di dolcezza e tenerezza, ispira gli uomini di buona volontà, spinge all’ingegno, all’amabilità, alla cura delle cose, minuziosa, stimola al dedicarsi agli altri con amore e senza alcun scopo speculativo, assicura fermezza emotiva e solidità fisica (nella salute). Mentre se in debilità per esempio quando assediata dai malefici Marte-Saturno, esprime l’immagine di un vagabondo, senza una casa, senza una tradizione, senza una stabile fondamenta, che vaga nel caos o nell’incertezza, nelle paure per il futuro, che lotta con le ombre interiori, che teme il domani, che tende a mutar umore repentinamente, a scatti di improvvisa rabbia emotiva, che vive un po’ nell’oscurità o con fare malevolo e torbido.